Sito www.nucciatolomeo.it - pagina Video su Nuccia
N°50 - Messaggio di Nuccia: Natale 1996
r r
Grazie, Gesù, per averci regalato Nuccia. Alleluia!


MESSAGGIO DI NATALE 1996rosa


Carissimi, il Natale è la festa dell’amore e della misericordia. Come il profeta Isaia,
anch’io dico: “E’ nato per noi un bimbo, un figlio ci è stato donato, per coprire la moltitudine
dei peccati”. E’ una grande lezione di carità: con l’amore è stato vinto il peccato e la morte.
Per molti il natale non è che una festa: è il natale delle vacanze, della settimana bianca, dei
doni, dei cenoni; e si offusca la verità di questo grande ed unico evento. Anche se è giusto
manifestare esteriormente la propria gioia, non è più giusto, quando l’esteriorità, l’addobbo, le
luci ecc… diventano fine a se stessi o addirittura fanno dimenticare il significato della festa
stessa. Non lasciatevi più coinvolgere dall’esteriorità, ma fatevi coinvolgere dal gran dono:
GESU’.

Il vero natale cristiano si compie ogni giorno in ogni uomo, che ha il coraggio di
vivere nella realtà in cui vive con umiltà, con pazienza, fedeltà ed amore. Il natale comincia
da noi, dal di dentro: dobbiamo cambiare i nostri cuori. Gesù chiede le nostre orecchie per
ascoltare la sua parola, la nostra bocca per consolare, le gambe per camminare verso chi ha
bisogno, le mani per donare e il cuore per amare. Quindi è necessario trovare, accogliere Gesù
e servirlo nell’uomo. Chi ama Gesù, ama l’uomo. Condividiamo questo immenso cielo di
dolori e di pianti, che si eleva da tutta la terra, nella certezza che proprio perché il Natale
esiste, quel pianto sarà asciugato, quelle ferite curate, i cuori consolati, e i morti risorgeranno.
Dunque, coraggio: lacrime, sangue e morte avranno senso, perché c’è Dio con noi. Il natale è
una proposta di stile di vita nuova da vivere.

Fratelli e sorelle, tutti che portate nel corpo e nello spirito i segni della sofferenza, vi
rivolgo con affetto il mio pensiero: vi porterò tutti con me nella grotta, dove è brillato il
meraviglioso segno del cielo, anche se certamente non sarò capace di farvi sentire quello che
c’è nel mio cuore, ma state certi che vi porto tutti dove Maria avvolse il suo bambino in fasce,
nella grotta povera e umile, dove inizia la via della croce e della gloria.
Vi auguro di essere capaci di vedere, di volere, di sentire il messaggio di questa notte
unica, di riuscire a capire almeno un poco, a capire la potente silenziosa parola di quell’umile
culla. Comprendete il dono di Dio e solo allora il nostro egoismo, la nostra violenza, la nostra
superbia, l’odio s’infrangerà finalmente nella realtà di un mondo nuovo, un mondo di fratelli
in Gesù, il mondo dei figli di Dio.

Ed ora tutti insieme preghiamo Gesù Bambino:

“Stanotte sei nato, o mio Gesù,
Salvatore, gloria a Te, osanna a Te, o mio Redentore e Salvatore, tu giaci nel freddo fieno,
nella nudità di una grotta, nella umiltà, nella povertà, tu il creatore dell’universo, o mio
adorato piccolo Gesù; giaci in una umile e misera mangiatoia, tutto avvolto nella semplicità.
In questa notte santa, notte di mistero, Tu nasci, Re dei re, alleluia!
Contemplando questo mistero sublime, il mio povero cuore si inchina e ti adora. Si, o
mio Gesù, il mio misero cuore, che tanto Ti ama, s’inchina davanti a questo grande disegno
dell’Eterno. Abbi pietà di questo mondo avvolto nelle tenebre, nel frastuono di questo mondo,
che non ode i tuoi richiami e non scorge la luce che brilla e non tramonta mai. Apri i cuori di
tutti gli uomini, affinché Tu possa nascere e regnare in ciascuno di loro; e a Te, o Maria,
madre del mio Gesù e nostra, Tu che hai portato nel tuo seno la luce del mondo, dona a Gesù
tutto il mio amore, tutta la mia umiltà, tutta la mia vita sofferta e offerta per la salvezza
dell’umanità. Grazie, Maria. Grazie, Gesù. Rendete grazie al Padre in nome di tutte le
creature, che nel mondo riconoscono la luce del santo Natale. Amen. Grazie a Dio!"

Volevo fare gli auguri a tutti i conduttori di radio Maria, in particolare a Padre Livio, a
tutti gli ascoltatori italiani ed esteri, a tutti i sofferenti, i non vedenti, i fratelli ristretti, (in
particolare Mimmo, Marcello, Salvatore, Antonio, Angelo, Paola, Lucio, coraggio!), quelli
che mi scrivono e mi telefonano. A tutti voi giovani, vi mando un abbraccio affettuoso. A Te,
Federico, che il Signore ti accompagni sempre. Ti dia sempre tanta gioia, tanta serenità.
Auguri di pace, di gioia e di salute a tutti. Vi voglio bene. Buon Natale di cuore.
Che Gesù Bambino vi benedica e vi sorrida sempre!
Nuccia