Invitiamo gli utenti che hanno disabilità visiva a leggere la sezione informativa sull'accessibilità del presente sito per usufruire al meglio dei servizi messi a disposizione dal NucciaTolomeo.it Italia - 
 Inizio menù supporto alla navigazione : 
 - 
salta ai contenuti della pagina
 - 
salta all'indice delle sezioni
 - 
Leggi la pagina d'aiuto sull'accessibilità del sito
Fine menù
generic image

 

Nuccia Tolomeo
Fotogallery Nuccia Tolomeo
Video Nuccia Tolomeo
Canzone Nuccia Tolomeo
Testamento
cuore

cuore

 

Video: VITA DI NUCCIA TOLOMEO scorrendo un album di foto

rosa e cuore

Il 24 gennaio 2010 è stato concluso il processo diocesano di beatificazione di Nuccia Tolomeo.
Nata a Catanzaro il 10.4.1936 e morta il 24.1.1997,
è vissuta paralizzata su una sedia per tutta la vita.
La fede in Gesù Crocifisso ed in Maria è stata la sua forza. Si è offerta vittima d'amore per l'umanità sofferente, testimoniando nella gioia l'Amore Misericordioso di Dio. Le sue virtù teologali e umane hanno lasciato una grande risonanza.
E' stata collaboratrice a Radio Maria con Federico Quaglini. La sua casa era aperta costantemente alla accoglienza. A tutti Nuccia regalava un sorriso, un ascolto, un conforto, un consiglio ed una preghiera.
Dal 1 novembre 2010 i suoi resti mortali riposano nella cappella del crocifisso della chiesa del Monte in Catanzaro.

Benvenuti nel sito dedicato a Nuccia Tolomeo.

Visitate spesso la home page www.nucciatolomeo.it
Troverete un messaggio
di amore e di speranza.

candela

Preghiera Signore Ti cerco

angelo

dalla SCHEDA su Nuccia

...Nuccia è stata una testimonianza preziosa regalataci dallo Spirito Santo per dare una parola di speranza all’uomo di oggi schiacciato da tanti interrogativi esistenziali.
L’attualità del messaggio di Nuccia lo comprendiamo immediatamente, quando sentiamo nel vivere quotidiano frasi del genere: “Una vita spezzata, malata, terminale… è senza dignità e quindi non è degna di essere vissuta!”, “L’eutanasia è un atto di amore e di pietà! Un gesto di libertà!”, “Che senso ha vivere, se si è di peso agli altri e a se stessi?”, “Se mancano le gioie della vita, l’integrità fisica, i divertimenti, la salute, i soldi, l’amore, il lavoro… è meglio non esistere!”, “Se io mamma sapessi che il figlio che porto nel grembo ha qualche malformazione, senza dubbio abortirei!”… Nuccia è la risposta di Dio a tali affermazioni ed interrogativi.
In questa prospettiva, conoscere il messaggio di Nuccia ha una rilevanza non solo religiosa, ma anche umana, civile, sociale. In sintesi, Nuccia è un fatto culturale: è una sfida che sconvolge, stimola, interpella e invita a ripensare il senso della vita, e soprattutto il senso della sofferenza, in chiave di dono d’amore.  Qual è il segreto della forza di Nuccia? Lo rivela lei stessa due mesi prima di morire, rivolgendosi ai giovani di Sassari:
“Sono Nuccia, ho 60 anni, tutti trascorsi su un letto; il mio corpo è contorto, in tutto devo dipendere dagli altri, ma il mio spirito è rimasto giovane. IL SEGRETO DELLA MIA GIOVINEZZA E DELLA MIA GIOIA DI VIVERE È GESÙ. ALLELUIA!

cuoricinocuopre cuore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi è Nuccia
 
L'arcivescovo Mons. Antonio Ciliberti presenta Nuccia
 Antonio Ciliberti

Lettera dell'Arcivescovo di Catanzaro-Squillace con la quale presenta alla diocesi e a tutti i fedeli l'esempio luminoso e la spiritualità di Nuccia Tolomeo, auspicando che la vita della cara Nuccia e il suo messaggio possano essere diffusi e conosciuti per portare tanti benefici a molte persone, per la maggior gloria di Dio. Lo stesso Arcivescovo ha pronunciato diverse omelie su Nuccia (vedere la pagina delle "Testimonianze su Nuccia").

 
Scheda su Nuccia
Padre Pasquale Pitari

 

PROFILO BIOGRAFICO CON IMMAGINI

 

Scheda curata da Padre Pasquale Pitari, Cappuccino in PDF

Scheda curata da Padre Pasquale Pitari, Cappuccino in HTML

Scheda curata da Padre Pasquale Pitari, Cappuccino inserita nel sito: "Santi e beati" in italiano

Scheda curata da Padre Pasquale Pitari, Cappuccino inserita nel sito: "Santi e beati" in inglese e in tutte le lingue, usando il traduttore Google

La Santità, dono e vocazione del Signore, “si
manifesta e si deve manifestare nei frutti della
grazia che lo Spirito produce nei fedeli” (L.G. 39).

 
Biografia di Nuccia (PDF)
Testamento

Biografia curata da Padre Pasquale Pitari

Questa biografia di Nuccia Tolomeo scritta da Ida Chiefari, cugina di Nuccia, è frutto di uno studio attento delle fonti. Essa è solo ”un piccolo assaggio” di una meravigliosa spiritualità evangelica, tutta da scoprire e da approfondire.

 
Biografia scritta e letta da Ida Chiefari - video (sito di Nuccia)
Biografia Video
Ecco la BIOGRAFIA di Nuccia, scritta e letta dalla cugina Ida Chiefari: "60 anni di martirio". Il messaggio di amore e di speranza di Nuccia Tolomeo, disabile per 60 anni su un letto di sofferenza, è di grande attualità nella cultura di oggi, che vorrebbe, invece, esorcizzare la sofferenza. La biografia si conclude con la lettura del TESTAMENTO di Nuccia da parte di Federico Quaglini.
 
Biografia scritta e letta da Ida Chiefari - video (sito gloria.tv)gloria tv
Biografia Video
Ecco la BIOGRAFIA di Nuccia, scritta e letta dalla cugina Ida Chiefari: "60 anni di martirio" direttamente dal sito gloria.tv . Si legge con più speditezza.
 
Biografia narrata attraverso un album di foto - video
Biografia Fotografica
Il filmato ripercorre la storia di Nuccia, disabile dai primi anni di vita, fino alla morte. Vedremo i luoghi e le persone che le sono state vicine.
Le musiche, cariche di pathos, evidenziano il messaggio che Nuccia ha offerto all'uomo di oggi, pur essendo imprigionata in un corpo che la limitava tantissimo. La Fede, però, le ha messo le ali e lei ha percorso il mondo con i messaggi letti a Radio Maria. Il finale a sorpresa genera una calda emozione.
 
Le Virtù di Nuccia Tolomeo (Word)
s

La gioia - La fede, la speranza, la carità. - Vittima d'amore

La prudenza, la giustizia, la fortezza e la temperanza.

La povertà, l'obbedienza, la castità, l'umiltà - l'eroicità delle virtù - Doni carismatici - Fama di santità

 
Nuccia è invitata a parlare di sè il 24/03/1994 a Radio Maria - video
nuccia Sono Nuccia, una debole creatura in cui si degna di operare ogni giorno la Potenza di Dio. In Lui il mio vanto, perché ha voluto associarmi alle sofferenze di Cristo, visitandomi nell'infanzia con la malattia, che continua ad essere compagna della mia vita. Si tratta di paralisi progressiva, che negli anni ha interessato tutti i muscoli del mio corpo,
togliendomi poco per volta ogni forza e possibilità di movimento...
Ma il buon Dio ha risparmiato a questo male la mia intelligenza,....
 
Nuccia è invitata a parlare di sè il 10/02/1995 a Radio Maria - video
 Nuccia parla di sè Sono nata a Catanzaro un lontano venerdì santo. Ho 59 anni; vivo con una zia anziana ed una cugina, che si prende cura di me. Non ho né fratelli e né sorelle. Sono una vostra umile sorella ed ho vissuto e continuo a vivere nella sofferenza. Non ho mai camminato. In tenera età sono stata colpita da paralisi progressiva deformante, per cui il mio corpo è un corpo martoriato e contorto....
 
Nuccia parla di sè ai giovani di Sassari il 23/11/1996 a Radio M. - video
nuccia "Sessantuno giorni prima di morire Nuccia risponde alle domande dei giovani di Sassari sul tema della sofferenza. Conclude dicendo: “Per me la sofferenza è un mistero… In cima mi aspetta Lui, Gesù. Porto la mia croce con gioia...”
Due libri web su Nuccia Tolomeo
BLOG: Vita e virtù di Nuccia -----------------BLOG: Preghiere di Nuccia
Nuccia
 
FEDE - SPERANZA - CARITA'
 
Pensiero di Nuccia
 
rosa
 
 

 

candele e libro

 

 

 

 

Dalla biografia di Nuccia scritta da Ida Chiefari:

"Ricorda l’amica Anna Iacopetta: “Gli ultimi istanti della sua vita, io ero vicina al suo capezzale; la prima cosa che mi chiese fu: FAMMI PORTARE GESU’, VOGLIO GESU’. Dopo averLo ricevuto si abbandonò con fiducia nelle braccia di Colui che aveva sempre amato e servito”. Don Sergio Iacopetta le diede l’ultima assistenza religiosa. Nuccia si preparò così al supremo incontro con il Suo Salvatore, Suo Dio. Una grande pace regnava in quella camera. Anche se non potevamo nascondere la nostra emozione, né trattenere le lacrime, eravamo tutti intorno a lei.
I suoi ultimi giorni furono accompagnati dalla preghiera accorata e ininterrotta di quanti l'avevano conosciuta e amata, mentre lei si abbandonava fiduciosa nelle braccia del Padre, sicura che non l’avrebbe delusa. Fu assistita regolarmente da noi cugine, tutte presenti al suo capezzale e dalle amiche più care. Il respiro si affievoliva, le mani stringevano ancora la sua corona e fu la fine. No! Fu’ l'inizio di una vita che durerà in eterno. Si spense serenamente nelle prime ore di venerdì 24 gennaio 1997. E gli angeli festeggiarono la nascita in cielo di quest’anima eletta che ha portato nell'anima e nel corpo la gioia di vivere, la fame e la sete di Dio, la sofferenza di Cristo crocifisso e la passione per l’uomo sofferente.

 

 

rosa

VITA


Nuccia Tolomeo è nata a Catanzaro Sala il 10 aprile 1936, di venerdì santo, e ivi è morta, all'età di 60 anni, il 24 gennaio 1997. Una vita semplice, ordinaria, costretta a una forzata immobilità per una paralisi progressiva e deformante fin dalla nascita. È stata sempre su una poltroncina o a letto in tutto dipendente dagli altri.Educata cristianamente, ha maturato la coscienza del suo stato in visione di fede e ha trovato in Gesù Crocifisso le motivazioni per cantare la vita. Nonostante la grave disabilità per il suo corpo contorto, ha elevato un magnificat all’amore di Dio per il dono della vita, della fede, della famiglia e della natura, che lei contemplava con occhi estasiati. La preghiera e l’amore a Gesù crocifisso e alla Madonna sono stati la forza e il segreto per la sua immolazione, come vittima d’amore, a favore dell’umanità sofferente. La sua casa era aperta all'accoglienza, alla consolazione e alla preghiera. Regalava a chi andava a visitarla una testimonianza di coraggio, di fortezza e un sorriso, che trovava nell’amore di Dio la sola giustificazione. Al suo angelo custode aveva dato il nome Sorriso. E il sorriso era diventato per lei il suo modo di essere. Tantissime le persone che le telefonavano o le scrivevano da tutta Italia. A tutti indicava  Gesù  e  Maria  come  la   risposta  ai  vari bisogni. Pregava tanto, soprattutto col rosario che teneva permanentemente legato alla sua mano, con l’adorazione eucaristica, con la via crucis e la lettura della Parola di Dio. Dal 1994 in poi ha collaborato con Federico Quaglini nel programma “Il fratello” a Radio Maria. Si rivolgeva soprattutto ai poveri, agli ammalati, alle persone sole e ai giovani. I suoi messaggi erano intrisi di teologia spirituale. Il suo testamento spirituale è un vero “vangelo”. È vissuta ed è morta in concetto di santità. I suoi funerali sono stati una manifestazione solenne della stima che godeva. La diocesi di Catanzaro-Squillace ha celebrato più convegni sulla sua spiritualità e il processo per la sua beatificazione. Ora la parola è passata alla Congregazione per le cause dei santi a Roma. Coloro che l’hanno conosciuta mantengono vivo il ricordo del suo sorriso e della sua vita di fede, di speranza e di carità a lode di Dio. All’uomo che cerca un senso al dolore Nuccia dà la sua risposta di fede. Colei che sembrava senza speranza con la sua flebile voce, attraverso Radio Maria,  ha gridato al mondo: “Spargete a piene mani il seme della speranza che è in voi”. Questa è stata ed è Nuccia: un richiamo continuo a vivere la vita nella gioia, come un dono che deve essere speso nell’amore, soprattutto a favore degli ultimi e dei senza voce.